Diario dal Fronte - Bianzino Consulente Finanziario di Banca Euromobiliare

Alessio Maria Bianzino
Consulente Finanziario a Vicenza
Menù
Vai ai contenuti

Parte il semestre tedesco

Bianzino Consulente Finanziario di Banca Euromobiliare
Pubblicato da Alessio in approfondimento · 1 Luglio 2020
Tags: antiriciclaggiotetto2000eurofedstresstestbuybackdividendibancheusamerkelsemestretedescocovidcortetedescabafin
Ho selezionato 3 notizie che hanno una certa rilevanza pescando fra i vari organi di informazione.

2000 euro limite antiriciclaggio


Contante, dal 1° luglio tetto cala a 2.000 euro.
Torna a scendere il massimale del contante utilizzabile per i pagamenti: dal 1° luglio il tetto si riduce dagli attuali 3.000 a 2.000 euro.
Oltre questa soglia, la transazione dovrà essere regolata con strumenti tracciabili, ad esempio un bonifico o un assegno. Si tratta solo del primo step di un progressivo abbassamento, che porterà il massimale a 1.000 euro nel 2021.
Ricordo questo limite vale solo se i due soggetti dello scambio non sono enti finanziari.
Resta inteso che in banca si può prelevare e versare cash senza limiti ma, per la legge antiriciclaggio, il cassiere dovrà chiederne una giustificazione della provenienza.

Fed boccia banche USA: stop a buyback e tetto a dividendi
I risultati degli stress test condotti su 34 banche incorporano gli impatti della pandemia di Covid-19
La Federal Reserve ha pubblicato ieri sera i risultati degli stress test condotti sulle 34 maggiori banche USA, che incorporano l'impatto negativo della crisi pandemica, ed ha disposto in via prudenziale lo stop ai buyback ed un tetto per i dividendi.
In pratica le Banche Usa non potranno più sostenere spudoratamente le quotazioni dei loro titoli sovvenzionate a costo zero dalla liquidità della Fed. Lo stop alla distribuzione calmierata dei dividendi serve per allinearsi alle disposizioni di BCE e toglie un flusso cedolare importante trimestrale ai risparmiatori. Questo potrebbe togliere appeal all'acquisto azionario almeno del settore bancario .

La Germania alla guida della Ue. Il programma di Merkel per rilanciare l’Europa post-Covid
Un’Europa più equa e più solidale, più innovativa, più sovrana, più verde e più sostenibile, più innovativa e più digitale. Il programma della Germania per la presidenza della Ue, che inizia oggi, è ambizioso. Ma anche l’Europa ha alte aspettative nella guida di Angela Merkel.
Questo è il titolo del Sole 24 ore di oggi che sembra presaggire ad un momento favorevole per il progetto Europa, ma in realtà l’informazione ci arriva sempre un po’ censurata.
Ho trovato infatti la traduzione dell’intervista originale che la Merkel ha rilasciato al The Guardian: il passaggio censurato riguarda l’affermazione che la legge europea va bene fin quando non entra nei confini delle legge tedesca. Un modo per difendere e supportare non solo la Corte Tedesca ma anche indirettamente la BaFin, la Consob tedesca, che sta e ha coperto le magagne di alcune società del DAX.
Non mi aspetto una risoluzione positiva sui Recovery Funds a breve perché il semestre tedesco ci farà vedere veramente chi decide in Europa.

merkel difende le istituzioni tedesche



Alessio Maria Bianzino
Consulente Finanziario P.Iva 04071650248 Corso Palladio 147, Vicenza 36100
Torna ai contenuti